ORTOCHERATOLOGIA

Marcia indietro sull’ortocheratologia notturna:”il porto di lenti a contatto di notte per ridurre la miopia ”

Il quotidiano americano Washington Post riporta un allarme dato dall’FDA (ACRONIMO DA SPIEGARE ) sulla tecnica, che recentemente sta riscuotendo molto successo, della ortocheratologia notturna .

Tale pratica viene estesa a tutti coloro che, portando un occhiale o lenti a contatto ,per la correzione della miopia,(dell’ipermetropia, dell’astigmatismo e della presbiopia), desiderano liberarsi dall’ausilio diottrico non ricorrendo alla chirurgia refrattiva.

La tecnica, consiste nel rendere “terapeutica” l’applicazione di lenti a contatto gas-permeabili, che secondo i guru dell’optometria dovrebbero servire ad appiattire temporaneamente la cornea, riducendo o addirittura azzerando la miopia.

Perché questo avvenga con una certa efficacia e consenta ai pazienti di riuscire a vedere bene durante la giornata senza correzione, occorre che le lenti a contatto vengano fatte indossare durante il periodo notturno, mentre il soggetto dorme.

ORTOCHERATOLOGIA QUALE FUTURO? 

Fino a oggi tutto ciò era permesso senza vincoli, dopo diverse traversie e limitazioni date dall’FDA. Finalmente la pratica negli ultimi anni era stata riconosciuta ma oggi, con l’allerta data dall’FDA americana, sembra che qualche problema possa nascere.

Secondo Robert Maloney, portavoce dell’American Accademy of Ophthalmology, “i pazienti possono rendere definitiva, allo stesso costo della terapia ortocheratologica, la correzione della miopia mediante la chirurgia refrattiva”.

“Molti dottori asseriscono che l’uso di lenti a contatto durante il periodo notturno sia un grosso errore, incrementando la possibilità di contrarre infezioni che possono in qualche caso portare alla cecità.”

Secondo l’accusa della Food and Drug Administration nessuno dei professionisti sta informando il consumatore che le leggi prevedono un utilizzo delle lenti a contatto solo durante la giornata e con possibilità di correzione solo di miopie lievi e moderate.

Sembra invece che circa l’80-90% degli applicatori inducano a praticare la terapia notturna.  (Molti professionisti consigliano infatti l’uso del sistema Paragon CRT  che utilizza un particolare tipo di lenti a contatto le quali, utilizzate durante il sonno e tolte la mattina al risveglio, consentirebbero una buon’acutezza visiva per tutto il giorno)