[Voti: 10    Media Voto: 3/5]

Cataratta operazione: quale scegliere?

Quale intervento scegliere per l’operazione di cataratta? Quale cristallino? Dove operarsi? Grazie ad importanti recenti innovazioni, l’intervento di cataratta è oggi un intervento sicuro ed efficace, che eseguo in anestesia topica, mediante chirurgia microincisionale Le lenti intraoculari sono di diversi tipi: monofocali, multifocali, accomodative e fotoregolabili. Le lenti trifocali di ultima generazione (2015) permettono di vedere bene senza occhiali dopo l’intervento, correggendo miopia, astigmatismo, ipermetropia e presbiopia insieme alla cataratta. Il cristallino opacizzato viene rimosso e al suo posto viene inserito un cristallino artificiale (IOL). La procedura avviene mediante tagli corneali di 2 mm e l’apertura del sacco capsulare.

FEMTO-CATARATTA

L’intervento può essere effettuato manualmente dal chirurgo, con l’ausilio del bisturi o con l’utilizzo del Femtolaser, che permette di eseguire con precisione estrema:

  • le incisioni corneali
  • l’apertura del cristallino (ressi capsulare)
  • rimozione del cristallino con risparmio di ultrasuoni

 

Il cristallino artificiale è in materiale plastico (acrilico) o in silicone e viene inserito attraverso una piccolissima incisione di 2 mm. Personalmente prediligo la lente trifocale di ultima generazione, che permette di vedere bene senza occhiali dopo l’intervento, correggendo miopia, astigmatismo, ipermetropia e presbiopia. Questa IOL non è visibile dopo l’intervento, perché viene posizionata dietro l’iride e la microincisione si sigilla senza necessità di apporre punti, e può restare nell’occhio tutta la vita senza problemi.

ANESTESIA – Questo delicato intervento di microchirurgia si effettua normalmente in anestesia topica (solo con le gocce) o, in casi particolari (claustrofobia, Parkinson…), in anestesia locale (con una puntura vicino all’occhio) e senza necessità di ricovero ospedaliero.